Crea sito

Un sito simpatico su una materia ostica (parte 1)

Il sito Kangourou (raggiungibile, nella versione italiana, mediante l’indirizzo www.kangourou.it) è nato per promuovere l’iniziativa del Concorso “Kangourou della Matematica”.

Il concorso nacque in Australia nel 1978 grazie al professore dell’Università di Camberra Peter O’Halloran, che si era prefisso lo scopo di diffondere lo spirito matematico nei giovani.
I partecipanti venivano sottoposti a varie prove, consistenti in diversi problemi di tipo matematico.
Le gare, che all’epoca si svolgevano in Australia, erano suddivise per fasce d’età: 13-14 anni, 15-16 anni e 17-18 anni.
La prova consisteva nel risolvere trenta problemi a scelta multipla suddivisi in tre gruppi di dieci domande, ordinate in ordine crescente di difficoltà.

Il concorso sbarcò nel vecchio continente nel 1991, quando venne introdotto in Francia dai professori André Deledicq e Jean Pierre Boudine.
I livelli vennero portati a cinque e precisamente: un livello per gli studenti di quarta e quinta elementare, uno per gli studenti di prima e seconda media, uno per quelli di terza e quarta media (in Francia la scuola media dura quattro anni), uno per i liceali e uno per i maturandi.
La partecipazione degli studenti francesi fu massiccia e l’iniziativa riscosse grande successo, al punto che Deledicq e Boudine la estesero a più paesi europei, facendo nascere l’Associazione Kangourou.

Questa Associazione, senza frontiere, con sede in Francia ma carattere internazionale, riunisce oggi personalità del mondo matematico di numerosi Paesi.
Attualmente aderiscono all’Associazione la Germania, l’Austria, la Bielorussia, la Bulgaria, la Croazia, la Spagna, l’Estonia, la Francia, la Georgia, l’Ungheria, l’Irlanda, l’Italia, la Lituania, il Lussemburgo, la Macedonia, la Moldavia, l’Olanda, la Polonia, la Repubblica Ceca, la Romania, l’Inghilterra, la Russia, la Slovacchia, la Slovenia, la Svezia, l’Ucraina, il Messico, il Brasile e la Catalogna.

Il coinvolgimento è tale che sono diverse le Università che collaborano all’iniziativa: l’Università Humbold di Berlino, la Scuola di Scienze Esatte dell’Università di Tartu, la Fondazione per i giovani talenti della regione di Zala, la Facoltà di Matematica di Skopje, l’Università statale della Moldavia, l’Università tecnologica di Eindhoven, l’Università Copernico di Torun, l’Università di Matematica e Statistica di Birmingham, l’Institute of Productive Learning della Russian Academic of Education, l’Università Comenius Mlinska di Bratislava, la Società di Matematica, Fisica e Astronomia di Lubiana, la Facoltà di educazione Palacky dell’Università Olomouc.

fine della prima puntata: questo post è troppo lungo, lo continuo appena posso!

Tags: